​​​​​​​Questo sito utilizza alcuni tipi di cookie,  propri e di terze parti, utilizzati solo ai fini istituzionali dell' ESELCPT
Proseguendo la navigazione ​acconsente all’uso dei cookie.​

Un necessario chiarimento dall' INL, circolare 9/19

isp lav 9 19Lo scorso maggio con la circolare 7/19, l’Ispettorato si era pronunciato sui benefici normativi e contributivi cui possono accedere i datori di lavoro in possesso del Documento unico di regolarità contributiva (Durc),

e che rispettano gli accordi e i contratti collettivi nazionali o regionali, territoriali o aziendali, in questa ottica aveva statuito di verificare il trattamento economico/normativo effettivo e non solo la formale adesione al contratto nazionale, questa indicazione in molti aveva dato l'impressione di aprire ad una sorta di "liberalizzazione" indiretta dei contratti; con questa circolare 9/19 si precisa che la precedente 7/19 “si limita a chiarire la portata dell’art. 1, comma 1175, della Legge 296/2006 che, ai fini della fruizione dei benefici normativi e contributivi da parte del datore di lavoro, richiede il rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale ... ma non è possibile un’applicazione estensiva di questo principio"

l’Ispettorato ha quindi chiarito che non è possibile riconoscere ai contratti sottoscritti con organizzazioni sindacali prive del requisito della maggiore rappresentatività le prerogative riservate ai contratti che invece sono sottoscritti con le organizzazioni più rappresentative, precisando che  “nulla è cambiato in ordine a quanto già chiarito dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali in ordine agli obblighi di applicazione del contratto collettivo dell’edilizia per le imprese operanti nel settore ed ai connessi obblighi di iscrizione alla Cassa edile”.
I mancati versamenti alla cassa edile comportano, ha concluso l’Ispettorato, una situazione di irregolarità che “impedisce il rilascio del Durc e, conseguentemente, il godimento dei benefici “normativi e contributivi”.
La circolare completa qui >>link circolare INL 9/19<<